TEATRO PARTECIPATIVO

Risolvere i problemi con l’intelligenza collettiva

Il teatro partecipativo è un insieme di tecniche per mettere in scena la vita sociale e le difficoltà che vi incontriamo. Dà alle persone l’opportunità di analizzare, comprendere e risolvere i propri problemi, mettendoli in scena.

La creazione delle scene si svolge in modo aperto e chiunque può dire la sua, ‘problematizzare’ di più la scena, proporre suggerimenti, aggiungere personaggi e/o parole chiave. Lo scopo è quello di arrivare ad una scena che possa coinvolgere tutti e che faccia venir voglia di non lasciare le cose come stanno. 

Clicca per ingrandirePoi si presentano le scene problematiche. In questa fase il pubblico può intervenire per cercare di far evolvere la situazione e allenarsi a risolvere i problemi inscenati. Chi vuole può provare le sue soluzioni sulla scena, sostituire personaggi o aggiungerne altri. Il ‘facilitatore’ rivolge delle domande al pubblico per stimolarne la partecipazione. Dopo ogni intervento si analizzano le proposte e si cerca di arrivare a risposte condivise, sempre attraverso tecniche teatrali.

Il teatro partecipativo si rivela uno strumento molto potente per lavorare in diversi orizzonti: socialeeducativosanitariolinguistico
Il teatro partecipativo ha le sue radici nel 
Teatro Dell’Oppresso di Augusto Boal. Il maestro brasiliano ha rivoluzionato il teatro classico dando agli spettatori la possibilità di essere attivi, attori e quindi di intervenire nelle rappresentazioni per allenarsi a intervenire meglio nella società e vincere le oppressioni. Boal è diventato deputato di Rio di Janeiro negli anni 90’e ha permesso alla gente di creare leggi attraverso l’uso del teatro. 

Clicca per ingrandireAnche Antanas Mockus ha influenzato molto il nostro modo di fare teatro. L’ex-sindaco di Bogotà ha usato diverse tecniche teatrali per trasformare la sua città. Ha messo mimi per le strade invece di poliziotti, per gestire le inciviltà, il traffico e la pulizia. Clown e altri artisti di strada hanno permesso di pacificare profondamente la città e di stimolare la cittadinanza attiva in un modo ludico e positivo. Anche i peggiori nemici di Mockus hanno dovuto riconoscere la rilevanza del metodo.

Annunci

~ di Andrea Tj su giugno 5, 2009.

Una Risposta to “TEATRO PARTECIPATIVO”

  1. […] Ho intervistato Olivier, e potete vedere la sua intervista sul blog VideoDocg a questo link. […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: